Via Padova

Ex-discarica di via Padova Il macero è identificato nella carta dell'Istituto Geografico Militare del 1937, dopo la casa cantoniera ANAS

Da testimonianza di abitanti del luogo il sito è stato riempito con rifiuti industriali, "bianchi" densi e maleodoranti. Nel punto all'altezza di via Medini, spunta dal terreno un tubo in PVC del tipo usato per i piezometri.

Oggi il sito appare boscato e viene segnalato con cartelli che riportano la scritta "Villaggio del Barco - progetto di riqualificazione ambientale, S.E.F. (Società Enipower Ferrara)".

Il sito non compare nell'anagrafe dei siti contaminati.


Allegati